Powered by Investing.com
EUR/USD – l’euro ha recuperato ieri sul dollaro ed è scambiato intorno a 1,2860 dal momento che il biglietto verde ha perso terreno rispetto alle altre principali valute a causa delle prese di profitto.
L’euro inoltre ha ricevuto anche una spinta dai risultati dell’indagine sull’attività economica in Germania che ha mostrato che quest’ultima potrebbe conoscere una probabile espansione nel terzo trimestre. Il paniere delle valute scambiate contro il dollaro ha registrato 10 settimane di guadagni dal momento che i mercati scommettono che i tassi negli USA si alzeranno molto prima che in Europa.

Le valute dei paesi esportatori di materie prime tra cui Nuova Zelanda e Australia hanno perso terreno rispetto al dollaro a causa delle preoccupazioni che la crescita in Cina, la seconda principale economia mondiale, stia rallentando. Il dollaro neozelandese è sceso rispetto alle altrer principali valute ed è scambiato intorno a 0,8070 sul dollaro statunitense.

USD/JPY – il dollaro ha perso terreno sullo yen giapponese ed è scambiato intorno a 108,60 dopo che i solidi dati provenienti dal comparto manifatturiero statunitense hanno vanificato i guadagni del biglietto verde a causa delle prese di profitto.

Materie Prime

ORO – il prezzo ha rimbalzato ed è scambiato intorno a 1224,00 mentre i titoli azionari asiatici perdono terreno e gli investitori restano cauti in un scenario di rafforzamento del dollaro e di solidi dati proveniente dal settore manifatturiero che sta tenendo i prezzi del metallo prezioso vicino ai minimi da gennaio. Inoltre gli investitori stanno tenendo in considerazione l’inasprirsi delle tensioni in Medio Oriente e le aspettative di un aumento dei costi dei prestiti negli USA.

GRANO – scende il prezzo a 474,00 fino quasi ai minimi del 2010 dal momento che gli agricoltori negli USA, il principale esportatore, hanno anticipato la semina delle varietà invernali.

GREGGIO – il prezzo è leggermente salito a 91,70 grazie ai dati rialzisti sul settore registrati dai titoli azionari statunitensi.

Calendario economico

EUR – 09:00 GMT – Indice IFO tedesco - previsione 105,7
USD – 15:00 GMT – vendite di case nuove – previsione 430mila

Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

Avvertenza: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11 e autorizzata dal FSB (www.fsb.co.za), autorizzazione n. 47709. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.