Powered by Investing.com
USD/JPY – lo yen ha perso terreno sul dollaro durante la sessione asiatica ed è scambiato intorno a 108,70 prima della pubblicazione di un report governativo che secondo gli economisti mostrerà che è salito molto il numero degli occupati negli ultimi tre mesi nonostante le notizie dei disordini civili a Hong Kong e i deludenti dati del settore dei servizi in Australia e Cina. Lo yen scende mentre la banca del Giappone rilancia l’acquisto di buoni del Tesoro e il primo ministro, Abe ha dichiarato che le grandi società e le società esportatrici hanno ricavato ampi profitti grazie alla debolezza della valuta e che tali vantaggi dovrebbero iniziare a ricadere anche sulle industrie di minori dimensioni.

GBP/USD – la sterlina si è indebolita ieri ed è scambiata intorno a 1,6130; secondo Goldman Sachs la banca d’Inghilterra inizierà a stringere le viti della politica monetaria prima della Fed ma alzerà i tassi a un ritmo più lento rispetto agli USA. La differenza nella velocità di aumento dei tassi va ascritta alla diversa situazione che caratterizza ciascuna economia.

Le valute asiatiche hanno perso terreno per la quinta settimana di fila dal momento che la prospettiva di un aumento di tassi negli USA sta indebolendo la domanda di titoli dei mercati emergenti in un momento in cui l’economia cinese è in una fase di incertezza.

EUR/USD – l’euro ha recuperato terreno ed è scambiato intorno a 1,2670 mentre la banca centrale europea non è riuscita a fornire dettagli sull’entità del programma di acquisto di debito privato, frenando così le ipotesi secondo cui la BCE espanderebbe il suo bilancio per indebolire la valuta.

Materie Prime

GREGGIO – rimbalza dove aver toccato i minimi ed è scambiato intorno a 91,60 sulla scia delle ipotesi secondo cui la flessione degli ultimi tre giorni sarebbe stata eccessiva.

ORO – scende il prezzo ed è scambiato intorno a 1210,00 mentre gli investitori continuano a guardare al prossimo aumento dei tassi negli USA ma anche al report mensile sul livello di occupazione nella più grande economia mondiale.

Calendario economico

USD – 13:30 GMT – Occupati settore non agricolo – previsione – 215.000
USD – 13:30 GMT – tasso di disoccupazione – previsione 6,1%
USD – 15:00 GMT - Indice ISM PMI non manifatturiero – PREVISIONE 58,5

Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

Avvertenza: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11 e autorizzata dal FSB (www.fsb.co.za), autorizzazione n. 47709. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.