Powered by Investing.com
Il dollaro ha perso terreno dopo che la crescita degli occupati negli USA è risultata più debole del previsto e i trader sono sempre meno convinti che la FED alzerà presto i tassi di interesse. Il dipartimento del lavoro ha reso noto che sono stati creati 214.000 nuovi posti di lavoro negli USA a ottobre, mentre le stime erano per una crescita di 231.000 unità; il tasso di disoccupazione è sceso al 5,8% da 5,9% di settembre.

AUD/USD – il dollaro australiano si è rafforzato arrivando a toccare quota 0,8670 dopo che l’ufficio di statistica cinese ha reso noto che l’eccedenza della bilancia commerciale è arrivata a toccare i 45,4 mila miliardi a ottobre, superando così le stime degli economisti che avevano parlato di un’eccedenza pari a 42 mila miliardi di dollari.

USD/JPY – il dollaro si è indebolito rispetto allo yen giapponese toccando quota 114,00 mentre il governatore della banca del Giappone, Kuroda ha affermato che non ci sono limiti alle misure di flessibilità che la banca può assumere per frenare la deflazione.

USD/CAD – il dollaro canadese è salito rispetto al biglietto verde ed è scambiato a 1,1310 dopo che un report ha mostrato un’inaspettata crescita dei posti di lavoro durante lo scorso mese e che il tasso di disoccupazione è sceso al minimo da sei anni. Il governatore della banca del Canada, Poloz ha dichiarato che l’economia ha ancora bisogno di stimoli monetari per rilanciare la ripresa in Canada.

Materie Prime

ORO – è scambiato intorno a 1172,00; nonostante l’incremento del 3% registrato venerdì il metallo prezioso continua a essere scambiato sui minimi a causa del rafforzamento del dollaro e dei timori relativi a un imminente aumento dei tassi da parte della Fed.

GREGGIO – il prezzo sale ed è scambiato intorno a 78,90 prima della pubblicazione di una serie di dati relativi alla Cina e che finiranno per segnare la direzione che assumerà il mercato delle materie prime.

Calendario economico

CAD – 13:15 GMT – Costruzione di abitazioni nuove - previsione 200 mila

Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

AVVERTENZA: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.