Powered by Investing.com
USD/JPY – lo yen ha perso terreno sul dollaro durante la sessione asiatica ed è scambiato intorno a 114,00 dopo che il governatore della Banca del Giappone, Kuroda ha reso noto che la banca centrale è pronta a fare di più per raggiungere l’obiettivo di stabilità dei prezzi del 2% e far ripartire l’economia. Kuroda ha sottolineato che la BOJ è pronta a fare qualunque cosa per raggiungere il target del tasso di inflazione entro due anni e allontanare quasi due decenni di deflazione.

AUD/USD – il dollaro australiano mantiene i guadagni durante la sessione di trading asiatica ed è scambiato intorno a 0,8730 nonostante un’indagine abbia mostrato dei dati deludenti per l’indice dei servizi. L’indice dei servizi AIG è sceso a ottobre di 1,8 punti a 43,6 mostrando un indebolimento delle vendite e dei nuovi ordinativi per il periodo natalizio.

USD/CAD – il dollaro canadese è sceso al minimo a cinque anni ed è scambiato intorno a 1,1420 dopo il selloff del greggio, il principale bene esportato nel paese avvenuto dopo che l’Arabia Saudita ha ridotto i prezzi del petrolio agli USA di fronte all’aumento di produzione in Nord America. Il governatore della Bnaca del Canada, Poloz, ha ribadito l’importanza degli stimoli monetari per far ripartire l’economia di fronte al ristagno dell’economia.

Materie Prime

ORO – il prezzo è sceso a 1152,00, vicino al minimo a quattro anni mentre il rafforzamento del dollaro continua a tenere lontani gli investitori dai beni rifugio e la domanda fisica continua a essere modesta.
L’acquisto di gioielli, monete e lingotti, che di solito ridanno una spinta ai prezzi, non è riuscito stavolta a far ripartire il prezzo del metallo prezioso.

GREGGIO – il prezzo è scambiato intorno a 77,00 confermando la fase ribassista sulla base dell’ipotesi secondo cui i principali produttori dell’OPEC stanno scontando il prezzo del greggio per mantenere la propria quota di mercato mentre la rivoluzione del gas da argille negli USA ha portato la produzione Americana al livello più elevato degli ultimi trenta anni.

Calendario economico

USD – 13:15 GMT - Variazione occupazione non agricola ADP – previsione 220 mila
USD – 15:00 GMT - Indice ISM PMI non manifatturiero – PREVISIONE 58,0

Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

AVVERTENZA: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.