Powered by Investing.com
USD/JPY – lo yen si è indebolito sul dollaro durante la sessione asiatica ed è scambiato intorno a 118,30 dopo che i dati hanno mostrato una contrazione della spesa delle famiglie e che l’inflazione è rallentata. L’inflazione al consumo ha toccato a ottobre il livello più basso in un anno facendo aumentare lo scetticismo sulla capacità della banca del Giappone di raggiungere il target di inflazione, mentre la produzione e la spesa industriale stanno mostrando ulteriori segnali di ripresa. Lo yen ha conosciuto diversi mesi di flessione sulla base dell’ipotesi che la banca del Giappone avrebbe continuato a espandere le sue misure di stimolo.

EUR/USD – l’euro ha perso terreno sul dollaro ed è scambiato intorno a 1,2440 prima della pubblicazione di un report che dovrebbe mostrare che l’inflazione ha toccato il livello più basso dal 2009. Secondo le stime degli economisti l’inflazione registrerà un rallentamento dello 0,3% questo mese.

USD/CAD – il dollaro statunitense si è rafforzato ieri rispetto al dollaro canadese ed è scambiato a 1,1350 grazie al fatto che il dollaro si è ripreso dalle perdite messe a segno mercoledì, nonostante i positivi dati sulle partite di conto corrente in Canada restituiscano un certo slancio alla valuta del paese. Il deficit delle partite correnti in Canada è risultato nel terzo trimestre il più basso dal 2008 grazie a un incremento delle esportazioni nei settori non energetici e a una flessione dei disavanzi negli investimenti e nel settore turistico.

Materie Prime

GREGGIO – il prezzo è sceso molto ieri e attualmente è scambiato intorno a 68,20 dopo che l’organizzazione dei paesi esportatori di petrolio ha deciso di non tagliare la produzione di petrolio, nonostante i prezzi in calo.

ORO – scende il prezzo che è scambiato intorno a 1185,00 mentre il prezzo del greggio ai minimi storici sta facendo aumentare le prospettive di un raffreddamento dei prezzi al consumo che potrebbe avere ripercussioni negative sulla richiesta di beni rifugio.

Calendario economico

EUR – 10:00 GMT – CPI – previsione 0,3%
CAD – 13:30 GMT – PIL – Previsione 0,4%

Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

AVVERTENZA: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.