Powered by Investing.com
AUD/USD – il dollaro australiano è sceso arrivando a toccare quota 0,8590 dopo che l’indice flash HSBC PMI manifatturiero cinese è sceso a 50 a novembre dal 50,4 registrato a ottobre. I nuovi ordinativi in generale sono saliti leggermente ma gli ordini dei prodotti da esportare hanno subito una brusca flessione. Il PIL cinese è cresciuto del 7,3% nel terzo trimestre, il ritmo più basso dall’inizio del primo trimestre del 2009. Il dollaro australiano ha perso anch’esso terreno dal momento che il paese dipende molto dalle esportazioni verso la Cina.

USD/JPY – lo yen ha perso terreno rispetto al dollaro ed è scambiato intorno a 118,60 sulla scia delle ipotesi secondo cui il primo ministro Abe vincerà le elezioni e amplierà il suo programma di stimoli economici.

Intanto ieri la Fed al meeting sulla politica monetaria di ottobre ha lasciato invariato il tasso di interesse di riferimento allo 0,00-0,25% e ha reso noto che sta per concludere il suo programma di acquisto mensile di obbligazioni con una mossa ampiamente prevista dai mercati.

Materie Prime

GREGGIO – il prezzo è scambiato intorno a 74,60 mentre le scorte di greggio aumentano negli USA e gli investitori stanno cercando di valutare se l’OPEC deciderà di ridurre la produzione. Il petrolio è entrato in una fase ribassista mentre gli USA non hanno mai estratto tanto petrolio da più di trenta anni e la domanda continua a mostrare segnali di debolezza.

ORO – il prezzo è scambiato intorno a 1180,00 mentre l’ottimismo della Fed sull’economia statunitense continua a spingere al rialzo il dollaro e a breve si voterà su un’iniziativa che propone di fissare le riserve in oro delle riserve totali della Banca nazionale svizzera.

Calendario economico

EUR – 08:30 GMT - Indice PMI manifatturiero tedesco – PREVISIONE 51,5
GBP – 09:30 GMT – Vendite al dettaglio - PREVISIONE 0,4%
USD – 13:30 GMT – Indice CPI Core – previsione 0,2%
USD – 15:00 GMT – Vendite di case esistenti – previsione 5,15M
USD – 15:00 GMT - Indice Fed Philadelphia manifatturiero – PREVISIONE 18,5

Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

AVVERTENZA: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.