Powered by Investing.com
AUD/USD – il dollaro australiano guadagna terreno durante la sessione di trading asiatica ed è scambiato intorno a 0,8725 dopo che la pubblicazione dei verbali di novembre della riunione del consiglio hanno mostrato che continuano le preoccupazioni in merito al rafforzamento della valuta. L’economia australiana sta affrontando crescenti difficoltà che potrebbero portare a un taglio dei tassi di interesse da parte della banca centrale e a un ulteriore abbassamento dei tassi sui prestiti rispetto ai minimi storici già toccati. La flessione del livello di inflazione potrebbe inoltre anch’essa portare a un taglio dei tassi. L’inflazione nominale dei prezzi al consumo è arrivata al 2,3% nel terzo trimestre.

USD/JPY – lo yen si è indebolito rispetto al dollaro ed è scambiato intorno a 116,60. Con il Giappone che sta entrando nella sua quarta fase di recessione dal 2008 e che minaccia il fallimento del governo, il primo ministro Abe sta impegnandosi per rilanciare la crescita per il prossimo anno. Abe sta anche prendendo in considerazione se procrastinare l’incremento dell’imposta sulle vendite di ottobre al 2017, mossa che potrebbe far aumentare dello 0,3% il tasso di crescita nel prossimo anno, secondo gli economisti.

EUR/USD – l’euro ha recuperato terreno ieri ed è scambiato intorno a 1,2475 dopo la flessione registrata ieri quando il presidente della BCE, Draghi ha reso noto che le misure di stimolo per togliere l’area euro dalla situazione “disastrosa” in cui si trova potrebbero includere anche l’acquisto di obbligazioni governative.

Materie Prime

GREGGIO – il prezzo scende ed è scambiato intorno a 75,10 prima della pubblicazione in serata delle scorte di petrolio da parte dell’OPEC che dovrebbe fornire informazioni sulla direzione del comparto petrolifero prima della pubblicazione dei più precisi dati governativi.

ORO – il prezzo rimane stabile con tendenza la rialzo ed è scambiato intorno a 1188,00 grazie al rimbalzo tecnico e alla debolezza dello yen.

Calendario economico

GBP – 09:30 GMT – CPI – previsione 1,2%
EUR – 10:00 GMT – Indice ZEW clima economico – previsione 0,9
USD – 13:30 GMT – Indice PPI – previsione -0,1%

Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

AVVERTENZA: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.