Powered by Investing.com
La produzione industriale giapponese è salita inaspettatamente ad aprile dello 0,3% dal mese precedente, mentre le previsioni erano per una flessione dell’1,5%. Un’ondata di scosse di terremoto nella parte meridionale del paese ha avuto un impatto minimo sulla produzione, offrendo segnali di speranza per un’economia segnata da deboli esportazioni e consumi.

L’inflazione preliminare sui prezzi al consumo nell’eurozona a maggio è rimasta in territorio negativo, in linea con le previsioni secondo Eurostat che ha reso noto che l’inflazione dei prezzi al consumo è scesa ad un tasso annuo destagionalizzato dello 0,1% questo mese dopo il calo dello 0,2% di aprile. Le vendite al dettaglio in Germania sono diminuite dello 0,9% lo scorso mese, per la seconda volta consecutiva, riaprendo i dubbi sulla possibilità che la spesa al consumo sarà in grado di rilancere la crescita nella seconda economia europea. Nello stesso tempo, comunque, il numero di disoccupati in Germina è diminuito per l’ottavo mese consecutivo a maggio ad un tasso destagionalizzato del 6,1%, dal 6,2% di aprile.

In un report, il Conference Board ha reso noto che la fiducia dei consumatori negli USA è scesa inaspettatamente a maggio, sottolineando le preoccupazioni sulla salute dell’economia. La fiducia dei consumatori è scesa a 92,6 questo mese dal 94,7 di aprile. In un altro report, l’indice PMI di Chicago è sceso di 1,1 punti a 49,3 dal 50,4 di aprile, abbassando l’ottimismo sulle prospettive dell’economia statunitense.

Valute: Il dollaro è rimasto stabile verso le altri principali valute martedì dopo che i dati economici statunitensi hanno deluso le aspettative di un possibile aumento dei tassi a giugno da parte della Fed. La coppia EURUSD si è mossa leggermente al ribasso tra $1,1173 e $1,1122. Il cross GBPUSD è stato scambiato al ribasso tra $1,4724 e $1,4466. USDJPY è stato scambiato al ribasso tra ¥111,35 e 110,52.

Greggio: Mentre l’OPEC sta preparando un incontro, gli analisti di Morgan Stanley hanno reso noto che sembra improbabile qualunque azione coordinata sui tagli alla produzione. Sul mercato ICE, il Brent del Mare del Nord ha ceduto terreno, scambiato tra $50,87 e $49,59. Sul NYME, il light crude statunitense è stato scambiato al ribasso tra $50,10 e $48,86.

Oro: L’oro è tornato sul livello di supporto a $1.200 martedì ma ha poi perso terreno sulla scia delle deludenti notizie economiche pubblicate. Sul Comex di New York l’oro è stato scambiato al rialzo nell’ampio intervallo tra $1.207,50 e $1.220,45 l’oncia.

Indici: I titoli azionari in Asia hanno recuperato terreno con le azioni cinesi  in rialzo nell’indice MSCI e con gli investitori in attesa dei dati sul comparto manifatturiero che arriveranno questa settimana. Alla chiusura di Tokio, il NIKKEI ha guadagnato lo 0,98%. Alla chiusura di Shanghai, l’Hang Seng ha guadagnato lo 0,90%.

In Europa i mercati azionari si sono mossi prevalentemente al ribasso con l’inflazione preliminare sui prezzi al consumo che è rimasta negativa. A Francoforte, alla chiusura,  il DAX ha guadagnato lo 0,68%. Alla chiusura di Parigi, il CAC 40 ha perso lo 0,53%. Alla chiusura di Madrid, l’IBEX 35 ha perso lo 0,91%. Infine a Londra il FTSE ha chiuso con una flessione dello 0,64%.

Wall Street ha vanificato i primi guadagni ma tutti it re principali indici dovrebbero chiudere in rialzo questo mese. Alla chiusura il Dow Jones Industrial Average ha ceduto lo 0,48%. L’S&P 500 ha ceduto lo 0,19% e il Nasdaq composite lo 0,29%.


Calendario economico
Mercoledì 1° giugno 2016:
 

Ora (GMT)

Valuta

Evento

Previsione

Precedente

 02:00

CNY

Indice PMI Manifatturiero

50

50,1

 02:00

CNY

Indice PMI non Manifatturiero

 

53,5

02:45

CNY

Indice PMI Caixin Manifatturiero 

49,3

49,4

08:15

EUR

Spagna Indice PMI Manifatturiero

52,6

53,5

09:30

GBP

Indice PMI Manifatturiero

49,6

49,2

09:30

GBP

Prestiti netti ai privati m/m

5,3mld

9,3mld

15:00

USD

Indice PMI ISM Manifatturiero

50,5

50,8

Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

AVVERTENZA: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.