Powered by Investing.com
L’andamento delle materie prime ha spinto i prezzi ai livelli più bassi dal 2002 dal momento che le prospettive di un incremento dei tassi negli USA sta spingendo l’oro al ribasso. Le materie prime stanno perdendo il favore degli investitori mentre il dollaro guadagna terreno e aumentano i segnali da parte della Fed e in particolare da parte del Presidente Janet Yellen di un possibile incremento dei tassi di interesse sulla scia del miglioramento dell’economia statunitense. L’aumento del costo dei prestiti sta tagliando l’interesse verso materie prime quali l’oro che al momento non offre interessi o rendimenti equiparabili alle obbligazioni o ai titoli azionari. Un incremento dei tassi di interesse negli USA dovrebbe portare a un ulteriore rafforzamento del dollaro che a sua volta avrebbe come conseguenza un allontanamento dalle materie prime, dai metalli e dai titoli dei mercati emergenti.

Valute:

La coppia EURUSD, la più popolare del mercato è stata scambiata tra 1,08221 – 1,0869.

Il cross EURGBP è scambiato tra 0,69400,6976.

Il cross GBPUSD è scambiato tra 1,5540- 1,5626.

Il cross USDJPY  è scambiato tra 124,10-124,38.

Oro: Il prezzo dell’oro è sceso al livello più basso degli ultimi 5 anni mentre il prezzo del rame ha toccato il minimo a due settimane. Minimo: 1072,84 e massimo: 1132,83

Greggio: Anche il prezzo del greggio mostra segnali di crescente eccesso di offerta di prodotti raffinati e ha spinto l’indice S&P Energia in flessione dell’1%. È scambiato tra 50,25 e 51,54.

Indici: L’indice del dollaro è salito dello 0,13% a $97,99. Precedentemente aveva già toccato il massimo a tre mesi sulla scia delle previsioni di un possibile rialzo dei tassi da parte della Fed nel corso di quest’anno. Il Dow Jones industrial average ha guadagnato 36,24 punti, ossia lo 0,2 percento, portandosi a 18.122,69, l’S&P 500 ha guadagnato 4,75 punti, ossia lo 0,22 percento, attestandosi a 2.131,39 e il Nasdaq Composite 18,53 punti, ossia lo 0,36 percento, portandosi a 5.228,6.

Martedì  21 luglio
 

Orario

Valuta

Evento

Precedente

Previsione

01:30

AUD

Verbali Incontro Politica Monetaria

 

 

03:00

NZD

Spesa Carte di Credito a/a

 

7.10%

06:00

CHF

Bilancia Commerciale

2.54Mld

3.41Mld

08:30

GBP

Prestiti Netti Settore Pubblico

8.6Mld

9.4Mld

Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

AVVERTENZA: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.