Powered by Investing.com
Il Premier cinese Li Kequiang si è difeso dall’ipotesi secondo cui il rallentamento dell’economia cinese starebbe colpendo la crescita economica mondiale e si è dichiarato fiducioso sul futuro sviluppo economico cinese.

La Fed ha lasciato invariati i tassi di interesse e ha fatto sapere che prevede di alzare “gradualmente” i tassi di finanziamento continuando però a monitorare come l’economia globale e i mercati influenzeranno le prospettive statunitensi. La Mortagage Bankers Association ha reso noto che l’indice dei mercati ipotecari è aumentato a un tasso annuo destagionalizzato dell’8,8% settimana scorsa toccando quota 472,8. Ciò segue a un guadagno del 9% (434,5) raggiunto nelle settimane precedenti. In un altro report, il Dipartimento del Commercio statunitense ha comunicato che la vendita di case nuove è salita del 10,8% ad un tasso annuo destagionalizzato pari a 544.000 unità nel mese scorso mentre le stime erano di un incremento del 2% a 500.000 unità.

Valute: Il dollaro ha recuperato le perdite sulle altre principali valute mercoledì dopo la pubblicazione dei positivi dati sul comparto immobiliare e la dichiarazione della Fed. La coppia EURUSD è rimasta relativamente stabile, scambiata tra $1,0790 e 1,0917. Il cross GBPUSD è stato scambiato al ribasso tra $1,4355 e $1,4231. Il cross USDJPY è rimasto relativamente stabile ed è scambiato tra ¥118,05 e 119,08.

Greggio:  I future sul petrolio si sono mossi al rialzo nella serata della sessione di trading statunitense recuperando le perdite precedenti dopo la pubblicazione dei dati sulle forniture negli USA e la notizia secondo cui la Russia ha espresso la sua volontà di sedere al tavolo della negoziazioni con l’OPEC per controllare la produzione di petrolio. Le giacenze sono salite di 8,4 milioni di barili nella settimana che si è conclusa il 22 gennaio. Gli analisti si aspettavano  un aumento della giacenze pari a 3,3 milioni di barili mentre l’Istituto petrolifero americano ha reso noto nella serata di martedì un aumento della fornitura pari a 11,4 milioni di barili. Sul mercato ICE, il Brent del Mare del Nord ha guadagnato terreno, scambiato tra $31,60 e $34,31. Sul NYME, il light crude statunitense è stato scambiato al rialzo tra $30,14 e $32,84.

Oro: L’oro ha recuperato mercoledì rimanendo però sempre intorno ai massimi a tre mesi dopo l’annuncio della prima dichiarazione sulla politica monetaria da parte della Fed per quest’anno. Sul Comex di New York, l’oro è stato scambiato al rialzo nell’ampio intervallo tra $1.114,90 e $1.128,00 l’oncia.

Indici: La maggior parte dei mercati asiatici ha chiuso al rialzo, con la sola eccezione dell’indice Shanghai Composite, sulla scia dei buoni guadagni overnight messi a segno da Wall Street  e dal rimbalzo del prezzo del petrolio. Alla chiusura di Tokio, il NIKKEI ha guadagnato il 2,72%. Alla chiusura, il Shanghai Composite ha perso lo 0,76%. I titoli azionari europei si sono mossi al rialzo in una giornata caratterizzata da parecchie oscillazioni con gli investitori che ancora preoccupati per il prezzo del petrolio e in attesa della conclusione dell’incontro della Fed. A Francoforte, alla chiusura,  il DAX ha guadagnato l’0,62%. Alla chiusura di Parigi, il CAC 40 ha guadagnato lo 0,66%. Alla chiusura di Madrid, l’IBEX 35 ha guadagnato lo 0,62%. Infine, a Londra il FTSE ha chiuso con un guadagno dell’1,37%.

Wall Street ha vanificato i guadagni e ha perso terreno mercoledì dopo che la Fed non è riuscita a soddisfare le aspettative degli investitori che speravano in altri aumenti dei tassi di interesse. Alla chiusura il Dow Jones Industrial Average ha ceduto l’1,38%. L’S&P 500 ha ceduto l’1,18% e il Nasdaq composite il 2,18%.

Calendario economico
Giovedì 28.01.16:
 

Orario

Valuta

Evento

Previsione

Precedente

Tutto il giorno

EUR

Germania Indice CPI Prelim. m/m

-0,80%

-0,10%

9:00am

EUR

Tasso di Disoccupazione in Spagna

21,10%

21,20%

10:30am

GBP

PIL prelim. trim/trim

0,50%

0,40%

2:30pm

USD

Ordinativi beni durevoli Core m/m

0,00%

-0,10%

2:30pm

USD

Richieste Sussidi Disoccupazione

281mila

293mila

2:30pm

USD

Ordinativi beni durevoli m/m

-0,70%

0,00%

 4:00pm

USD

Vendite di Case in corso m/m

1,10%

-0,90%

Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

AVVERTENZA: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.