Powered by Investing.com
I titoli azionari cinesi sono piombati in una fase di mercato ribassista per la seconda volta in sette mesi, nonostante i tentativi di salvataggio messi in atto dal governo per rilanciare la fiducia nei mercati e quindi l’economia del paese.

Le vendite al dettaglio negli USA che saranno rese note più tardi restano al centro dell’attenzione degli investitori che continuano a cercare di cogliere l’atteggiamento della Fed sul possibile aumento dei tassi nuovamente a marzo.


Valute: L’euro è salito al massimo a due settimane e mezzo sul dollaro dal momento che i negativi report economici provenienti dagli USA stanno facendo diminuire la richiesta di dollari oltre ai timori che restano sul fronte della flessione dei prezzi del greggio.

EURUSD è stato scambiato tra 1,0858 e 1,0983.
Il cross EURGBP è stato scambiato tra 0,7529 e 0,7693.
GBPUSD è scambiato tra $1,4255 e 1,4425.
Il cross USDJPY è scambiato tra 116,53-118,25.

Il prezzo del petrolio è sceso ai minimi a 12 anni, dopo aver registrato i primi guadagni del 2016 nella sessione precedente dal momento che le prospettive di ulteriori forniture da parte dell’Iran continuano a pesare sui mercati. Il greggio statunitense ha ceduto il 4,79% a $29,71 al barile alle 10:07 GMT. Il WTI sta per registrare la sua terza settimana negativa, in flessione dell’8%. Il WTI ha perso circa il 21% dal massimo toccato il 4 gennaio 2016. È scambiato tra $29,16 e $31,10.

Oro: il prezzo ha recuperato terreno nella sessione mattutina europea di venerdì, allontanandosi dal minimo a 1 settimana ma i guadagni sono rimasti modesti a causa del rafforzamento del dollaro. È scambiato tra $1076,66 e $1097,20 l’oncia.

Indici: L’S&P 500 ha perso il 13 percento e il Dow il 13,7% rispetto ai massimi toccati a maggio, spingendosi in quella che è chiamata “fase di correzione”.
I titoli del Dow, Exxon e Chevron hanno ceduto rispettivamente il 2,5 e il 4% e Caterpillar il 4,4%. Il Nasdaq Composite ha ceduto 159,40 punti, arrivando a 4.455,60 punti.
Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

AVVERTENZA: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.