Powered by Investing.com
Martedì la Banca Centrale Cinese ha fissato il cambio tra lo yuan e il dollaro a 6,5510, il fixing più elevato dal 6 gennaio quando un improvviso calo della valuta ha reso noto a livello mondiale che Pechino sta cercando di arrivare a un deprezzamento che renda competitiva la valuta cinese.

Il tasso di disoccupazione della zona euro è arrivato al livello più basso da più di quattro anni a dicembre rilanciando l’ottimismo sulla salute dell’economia della regione, secondo quanto riportato dai dati ufficiali martedì. In un report, l’Eurostat ha reso noto che il tasso di disoccupazione dell’eurozona è sceso ad un tasso annuo destagionalizzato del 10,4% dal 10,5% di novembre. Questo è il tasso più basso registrato nell’area euro da settembre 2011. L’ufficio nazionale di statistica tedesco ha reso noto che il tasso di disoccupazione è sceso ad un tasso annuo destagionalizzato del 6,2% dal 6,3% del mese precedente. Gli analisti si aspettavano che il tasso di disoccupazione si mantenesse stabile al 6,3%. La societa di ricerche di mercato Markit e il Chartered Institute of Purchasing & Supply hanno reso noto che l’indice PMI sulle costruzioni nel Regno Unito è sceso a un tasso annuo destagionalizzato pari a 55 il mese scorso rispetto alla precedente stima del 57,8 di dicembre. Gli economisti si aspettavano che l’indice scendesse a 57,5 a gennaio.

La vendita di auto negli USA ha mostrato risultati migliori delle previsioni a gennaio dal momento che il comparto ha beneficiato dei bassi prezzi della benzina, del credito più accessibile e della moderata crescita economica.

Valute: L’euro ha recuperato terreno sulle altre principali valute registrando i principali guadagni verso le valute delle nazioni produttrici di materie prime compreso il rand del Sud Africa e il dollaro neozelandese e australiano. La coppia EURUSD si è mossa al rialzo tra $1,0815 e $1,0940. Il cross GBPUSD è stato scambiato al ribasso tra $1,4466 e $1,4328. USDJPY è stato scambiato al ribasso tra ¥121,04 e ¥120,03.

Greggio: Il prezzo del petrolio è sceso per la seconda sessione consecutiva martedì dopo che l’Iran ha reso noto di aver pianificato di aumentare le esportazioni di greggio a 2,3 milioni di barili al giorno nel corso del prossimo anno a cominciare dal 21 marzo. Sul mercato Ice il Brent del Mare del Nord è stato scambiato al ribasso tra $34,16 e $32,24. Sul NYME, il light crude statunitense è stato scambiato al ribasso tra $31,53 e $29,81.

Oro: I future sull’oro sono saliti al massimo a tre mesi martedì sulla scia del crescente scetticismo relativo alla possibilità che la Fed alzi i tassi nel corso di quest’anno. Sul Comex di New York, l’oro è stato scambiato al rialzo nell’ampio intervallo tra $1.122,90 e $1.131,50 l’oncia.

Indici: I titoli azionari cinesi si sono mossi al rialzo martedì e la banca centrale ha portato il fixing dello yuan al livello più elevato da un mese con Pechino che sta cercando di mantenere calmi i mercati prima delle prossime festività. Alla chiusura di Tokio, il NIKKEI ha perso lo 0,64%. Alla chiusura di Shanghai, l’Hang Seng ha guadagnato il 2,08%. I mercati azionari europei hanno perso pesantemente terreno dal momento che la crescita globale continua a essere segnata dai timori e gli investitori si rifugiano sempre più nei beni rifugio. Alla chiusura di Francoforte il Dax ha ceduto l’1,82%. Alla chiusura di Parigi, il CAC 40 ha perso il 2,54%. Alla chiusura di Madrid, l’IBEX 35 ha perso il 2,95%. Infine a Londra il FTSE ha chiuso con una flessione del 2,26%.

Wall Street ha ceduto terreno martedì a causa della flessione del prezzo del petrolio che continua a far crescere le preoccupazioni sulla salute dell’economia e che spinge gli investitori verso investimenti più sicuri. Alla chiusura il Dow Jones Industrial Average ha ceduto l’1,80%. L’S&P 500 ha ceduto l’1,72% e il Nasdaq composite il 2,24%.

Calendario economico
Mercoledì 03.02.16:
 

Orario

Valuta

Evento

Previsione

Precedente

2:45am

CNY

Caixin Indice PMI Servizi

50,5

50,2

10:30am

GBP

Indice PMI Servizi

55,4

55,5

2:15pm

USD

ADP Variazione occupazione non agricola

193mila

257mila

4:00pm

USD

Indice PMI ISM Non-Manifatturiero

55,1

55,3

 4:30pm

USD

Scorte Greggio

3,7Mln

8,4Mln

Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

Avvertenza: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11 e autorizzata dal FSB (www.fsb.co.za), autorizzazione n. 47709. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.