Powered by Investing.com
Il presidente della BCE, Mario Draghi, ha dichiarato che i policy maker sono pronti ad aggiungere altre misure di stimolo all’economia se le prospettive peggioreranno anche se attualmente non vi sono segnali di deflazione nell’area euro.

Durante il weekend i rappresentanti del G20 hanno concluso il summit in Australia con l’annuncio che nei prossimi anni si prevede che l’economia mondiale crescerà a un ritmo maggiore di 2 trilioni di dollari grazie all’aiuto della strategia che il FMI realizzerà.

NZD/USD – la coppia ha avuto poche oscillazioni durante la sessione asiatica ed è scambiata intorno a 0,8280 sulla scia delle preoccupazioni sulla crescita della spesa in Cina e dell’aumento della spesa per carte di credito in Nuova Zelanda. La banca centrale neozelandese ha dichiarato che la spesa per carte di credito nel paese è salita del 9,2% a gennaio rispetto al 4,7% di dicembre. Durante la sessione asiatica l’ufficio nazionale di statistica cinese ha reso noto che i prezzi delle case nel paese che riguardano mutui conforming e non garantiti sono scesi al 9,6% a gennaio rispetto al 9,9% di dicembre.

Materie Prime

GREGGIO – i future sono saliti durante la sessione asiatica e il greggio è scambiato a 102,50 nonostante la pubblicazione venerdì dei dati peggiori delle attese sul mercato edilizio negli USA che hanno fatto aumentare le preoccupazioni sulla ripresa economica del paese. Questo dato deludente è giunto il giorno dopo che la Federal reserve bank di Philadelphia ha reso noto che l’indice manifatturiero è peggiorato arrivando a toccare il minimo degli ultimi 12 mesi a meno 6,3 a febbraio rispetto al 9,4 di gennaio.

ORO – è scambiato intorno a 1324,00 e ci si aspetta un’inversione di tendenza a causa delle preoccupazioni secondo cui un aumento del prezzo del metallo porterebbe a una flessione della domanda fisica in Asia. D’altra parte i deboli dati economici provenienti dagli USA hanno comunque mantenuto l’interesse degli investitori sul metallo prezioso.

Calendario economico

EUR– 10:00 GMT – CPI(y) – previsione 0,7%
 
Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

Avvertenza: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11 e autorizzata dal FSB (www.fsb.co.za), autorizzazione n. 47709. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.