Powered by Investing.com
USD/JPY – la coppia è salita leggermente durante la sessione asiatica ed è scambiata intorno a 102,05 dopo che il Giappone ha reso noto che il suo disavanzo ha raggiunti livelli mai toccati prima. Il ministro delle finanze giapponese ha dichiarato che il deficit commerciale a gennaio è aumentato a 2,79 trilioni di yen, dato peggiore delle stime che prevedevano 2,5 trilioni di yen. Ciò ha sostenuto la valuta giapponese
insieme a un report pubblicato oggi che mostra che l’inflazione negli USA ha rallentato e quindi ha aumentato le preoccupazioni sul possibile indebolimento della ripresa economica nella più grande economia mondiale.

USD/CAD – il dollaro canadese sta per toccare il minimo a 5 anni a 1,1080 dopo il rally che lo aveva portato al massimo mensile secondo la Royal Bank del Canada. La valuta canadese si è rafforzata e ha guadagnato lo 0,7% questo mese rispetto al dollaro statunitense dopo aver perso circa il 4,5% a gennaio.

I rappresentanti della Fed stanno prendendo in considerazione l’ipotesi di alzare i tassi di interesse nell’eventualità che la disoccupazione scenda al di sotto del 6,5%. La banca centrale sta cercando di chiarire se continuare con i programmi di supporto all’economia sia con i tassi di interesse contenuti che riducendo gli acquisti di bond dopo che la disoccupazione è scesa lo scorso mese al 6,6%, il livello più basso degli ultimi 5 anni.

Materie Prime

ORO –UBS ha confermato le previsioni positive sull’oro per il 2014 sostenendo che ci sarà un cambiamento profondo negli attitudini degli investitori che li porterà ad acquistare il metallo prezioso, considerato un bene rifugio e aumenterà inoltre la domanda di oro da parte dei consumatori asiatici.
L’oro è scambiato intorno a 1313,00 durante la sessione asiatica.

GREGGIO – è sceso leggermente durante la sessione asiatica a 102,80 dopo aver toccato ieri il massimo registrato nel 2014 sulla scia delle preoccupazioni dei mercati sulle condizioni meteorologiche e sulle conseguenti scorte di olio combustibile.

Calendario economico

USD – 13:30 GMT – Indice Core PPI – previsione 0,1%
USD – 15:00 GMT - Indice manifatturiero Fed Philadelphia – PREVISIONE 8,0

Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

AVVERTENZA: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.