Powered by Investing.com
Il Gabinetto giapponese ha approvato giovedì un bilancio straordinario della difesa al fine di assicurare la sicurezza delle acque e dei cieli intorno alla nazione nipponica in considerazione anche della posizione sempre più militarmente assertiva assunta dalla Cina. Il pacchetto di spesa da 5,1 mila miliardi di yen ($42 miliardi) a iniziare da aprile rappresenta un incremento dell’1,5% rispetto all’anno fiscale corrente che segna il quarto aumento consecutivo sotto l’amministrazione del primo ministro Shinzo Abe.

Il numero di persone che hanno presentato richiesta di sussidio di disoccupazione negli USA è sceso più del previsto settimana scorsa, confermando l’idea di un consolidamento del mercato del lavoro, secondo quanto mostrato dai dati ufficiali giovedì. In un report, Il Dipartimento del Lavoro statunitense ha reso noto che il numero di persone che hanno presentato per la prima volta richiesta di indennità di disoccupazione nella settimana conclusasi il 18 dicembre è diminuito di 5000 unità ad un tasso annuo destagionalizzato pari a 267.000 dai 272.000 della settimana precedente. Gli analisti si aspettavano che le richieste scendessero di 2000 unità a 270.000 settimana scorsa.

Valute: Il dollaro ha continuato a perdere terreno il giorno della vigilia di Natale dopo che i dati hanno mostrato che le persone che hanno presentato richiesta di disoccupazione negli USA sono diminuite più del previsto settimana scorsa. La coppia EURUSD si è mossa al rialzo tra $1,0904 e $1,0966. Il cross GBPUSD è stato scambiato al rialzo tra $1,4853 e $1,4945. USDJPY è stato scambiato al ribasso tra ¥120,98 e ¥120,25.

Greggio:  Il petrolio è salito sopra i 37$ al barile giovedì ma è rimasto intorno ai minimi a 11 anni toccati questa settimana, dal momento che i segnali di un rafforzamento del mercato statunitense stanno facendo crescere le speranze che continuerà l’eccesso di offerta. Il greggio statunitense ha ripreso fiato grazie alla flessione delle scorte, alla riduzione delle estrazioni e alla revoca del divieto sulla maggior parte delle esportazioni di greggio statunitense che ha spinto il petrolio americano a un tasso di premio vicino al tasso di benchmark globale del Brent per la prima volta in quasi un anno. Sul mercato ICE, il Brent del Mare del Nord ha guadagnato terreno, scambiato tra $36,96 e $38,10. Sul NYME, il light crude statunitense è stato scambiato al rialzo tra $37,40 e $38,28.

Oro: Il prezzo dell’oro si è mosso al rialzo giovedì supportato dalla debolezza del dollaro  e dagli scarsi volumi di trading nei giorni precedenti alla vigilia di Natale. Sul Comex di New York l’oro è stato scambiato al rialzo nell’ampio intervallo tra $1.076,60 e $1.069,30 l’oncia.

Indici: I mercati azionari globali hanno cercato giovedì di trovare una direzione in scambi caratterizzati da bassi volumi di trading con la maggior parte dei mercati occidentali già chiusi per le festività natalizie e di fine anno.

I titoli azionari asiatici hanno registrato andamenti contrastanti giovedì con le azioni cinesi in perdita prima del periodo delle festività natalizie. Alla chiusura di Tokio, il NIKKEI ha perso lo 0,54%. Alla chiusura di Shanghai, l’Hang Seng ha guadagnato lo 0,44%. Nel frattempo i titoli azionari europei hanno avuto anch’essi andamenti contrastanti durante la sessione di trading di giovedì.  Alla chiusura di Parigi, il CAC 40 ha ceduto lo 0,14%. Alla chiusura di Madrid, l’IBEX 35 ha guadagnato lo 0,57%. Infine, a Londra il FTSE ha chiuso con un guadagno dello 0,31%.

Anche negli USA gli indici hanno avuto performance altalenanti con il Dow Jones Industrial Average in territorio positivo per tre giorni nonostante abbia perso terreno rispetto al rally della vigilia di Natale. Alla chiusura il Dow Jones Industrial Average ha ceduto lo 0,29%. L’S&P 500 ha guadagnato lo 0,14% e il Nasdaq composite lo 0,05%.
Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

AVVERTENZA: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.