Powered by Investing.com
AUD/USD – il dollaro australiano si è indebolito ed è scambiato intorno a 0,8400 sulla scia dei risultati peggiori del previsto del PIL nel terzo trimestre trascinato dall’inaspettato calo degli investimenti pubblici e private. Il PIL è salito dello 0,3%, al di sotto dello 0,7% atteso.

GBP/USD – la sterlina ha perso terreno ieri rispetto al dollaro ed è scambiata a 1,5640 dopo che i dati hanno mostrato un miglioramento dell’attività edilizia negli USA e ciò ha alimentato le aspettative di una ripresa dell’economia negli USA e quindi anche l’idea che la FED alzerà i tassi di interesse l’anno prossimo. L’ufficio di statistica ha reso noto ieri che la spesa per le costruzioni è salita dell’1,1% a ottobre, superando le stime del mercato che prevedevano un aumento solo dello 0,6% dopo lo 0,1% messo a segno a settembre. Nel Regno Unito invece l’attività edilizia è migliorata a novembre ma al ritmo più basso dell’ultimo anno smorzando così l’ottimismo circa le prospettive future dell’economia del paese.

Domani la BCE comunicherà la sua decisione sulla politica monetaria; gli investitori restano quindi cauti sull’euro per capire se le autorità monetarie decideranno nuove misure di stimolo all’economia. I dati rilasciati la settimana scorsa hanno mostrato che il tasso annuo di inflazione nell’area euro è sceso al minimo record degli ultimi 5 anni allo 0,3% lo scorso mese dallo 0,4% di ottobre.

Materie Prime

ORO – il prezzo è rimasto stabile intorno a quota 1200,00 mentre l’aumento del prezzo del greggio continua a rafforzare il dollaro e l’ottimismo nei confronti dell’economia statunitense e ciò ovviamente a discapito dei beni rifugio come l’oro. I lingotti hanno perso terreno insieme al greggio nelle ultime sessioni di trading sulla scia dell’ipotesi secondo cui un più debole prezzo del greggio avrebbe potuto ridurre le pressioni inflazionistiche. L’oro è di solito usato a copertura dei prezzi in rialzo.

Calendario economico

GBP – 09:30 GMT - Indice PMI servizi – PREVISIONE 56,6
USD – 13:15 GMT - Variazione occupazione non agricola ADP – previsione 223 mila
USD – 15:00 GMT - Indice ISM PMI non manifatturiero – PREVISIONE 57,5
CAD – 15:00 GMT – decisione sui tassi di interesse - previsione 1,00%
Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

Avvertenza: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11 e autorizzata dal FSB (www.fsb.co.za), autorizzazione n. 47709. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.