Powered by Investing.com
AUD/USD – il dollaro australiano perde terreno durante la sessione di trading asiatica ed è scambiato intorno a 0,8450 dal momento che l’indice manifatturiero cinese ha mostrato risultati più deludenti del previsto. L’attività manifatturiera cinese ha toccato quota 50,3, al di sotto del 50,6 atteso. Un’altra ragione alla base della flessione del dollaro australiano va ricercata nel possibile indebolimento della richiesta di oro a causa del fatto che il referendum che si è tenuto in Svizzera ha respinto la possibilità da parte della banca nazionale svizzera di detenere una quota maggiore di oro. L’Australia è il più grande produttore di oro al mondo dopo la Cina.

USD/JPY – Il dollaro è salito rispetto allo yen ed è scambiato intorno a 118,90 prima della pubblicazione dei dati sul settore manifatturiero statunitense che dovrebbe aver superato i paesi concorrenti, rinforzando l’ipotesi di un possibile aumento da parte della Fed dei tassi di interesse mentre in Europa e in Giappone le banche centrali continuano ad allentare la politica monetaria.

EUR/USD – l’euro è stabile sul dollaro intorno a 1,2450. Il presidente della BCE, Draghi, si è detto disposto ad acquistare un’ampia gamma di asset per aumentare le misure di stimolo. La BCE è già impegnata nell’acquisto di obbligazioni garantite e titoli garantiti da attività.

Materie Prime

GREGGIO – scende il prezzo che è scambiato al di sotto di 65,00, intorno a 64,30 sulla base dell’ipotesi secondo cui i prezzi potrebbero scendere ulteriormente se l’OPEC decidesse di mantenere l’attuale livello di produzione rallentando così la produzione di gas di scisto negli USA. Gli analisti stanno tagliando le loro stime e alcuni prevedono che il greggio potrebbe addirittura scendere a quota 40$ al barile.

GOLD – il prezzo è sceso del 2% ed è scambiato intorno a 1150,00 dopo che il referendum in Svizzera ha rigettato la proposta di aumentare le riserve di oro della banca centrale svizzera.

Calendario economico

EUR – 08:55 GMT - Indice PMI manifatturiero tedesco – PREVISIONE 50,0
GBP – 09:30 GMT - Indice PMI manifatturiero – PREVISIONE 53,1
USD – 15:00 GMT - Indice ISM PMI manifatturiero – PREVISIONE 57,9

Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

AVVERTENZA: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.