Powered by Investing.com
NZD/USD – il dollaro neozelandese si è pesantemente indebolito nel mercato asiatico ed è scambiato a 0,8590 dopo che i prezzi al consumo del primo trimestre sono saliti meno del previsto. L’indice CPI è salito dello 0,3% rispetto al trimestre precedente mentre la stima era di un incremento dello 0,5%.

AUD/USD – il dollaro australiano durante la sessione di trading asiatica è stato scambiato intorno a 0,9360. Gli economisti si aspettano che la crescita in Cina rallenti al 7,3% su base annua dal 7,7% registrato nel trimestre precedente, segnando così il più lento ritmo di espansione degli ultimi 5 anni.

Il dollaro è salito rispetto a tutte le altre principali valute nel mercato asiatico dopo che il tasso di inflazione è risultato negli USA migliore delle previsioni, nonostante i dati del settore edilizio abbiano assorbito parte dei guadagni della valuta statunitense.

Il dipartimento del lavoro ha reso noto in anticipo che l’indice dei prezzi al consumo negli USA è salito dello 0,2% a marzo, superando così le stime che avevano previsto un incremento dello 0,1%.

Materie Prime

ORO – si è indebolito per il secondo giorno portandosi a quota 1300,00 durante la sessione asiatica sulla scia delle prospettive degli ulteriori tagli sul programma di stimolo che la Fed potrebbe intraprendere dal momento che l’economia statunitense continua a mostrare segnali di ripresa.

Ieri è sceso il prezzo dell’oro dal momento che l’aumento nei prezzi al consumo negli USA ha incrementato le ipotesi che la Fed avrebbe maggiori margini di manovra per estendere i tagli agli stimoli. La flessione dell’oro è anche imputabile al fatto che il Consiglio mondiale dell’oro ha dichiarato che qualcosa come 1000 tonnellate di lingotti in Cina potrebbero essere vincolate in contratti finanziari.

GREGGIO – è scambiato intorno a 103,80 durante la sessione asiatica dopo il rimbalzo seguito alla flessione dei giorni scorsi sulla scia delle aspettative del mercato relative alla ripresa delle spedizioni dai porti libici e all’aumento della fornitura mondiale.

Calendario economico

EUR – 10:00 GMT – CPI(y) – previsione 0,5%
USD – 13:30 GMT – Permessi di costruzione – previsione 1,008M
USD – 17:15 GMT – parla il presidente della Fed, Yellen

Share:

 
 
 
Share on Tumblr

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito.Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio

AVVERTENZA: FXGM (www.fxgm.com) è un marchio di Depaho Ltd, una società d'investimento cipriota registrata, autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (www.cysec.gov.cy), con licenza n. 161/11. I “Contratti per Differenza” (CFD) sono solitamente prodotti a leva finanziaria. Investire in CFD correlati a Materie prime, Forex, Indici e Azioni, comporta un elevato livello di rischio e la possibilità di perdere l'intero capitale investito. Come tali, i CFD possono non essere adatti a tutti gli investitori. Non si deve investire denaro che non ci si può permettere di perdere. Prima di investire, è necessario essere consapevoli di tutti i rischi associati al trading in CFD e richiedere la consulenza di un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato. I risultati ottenuti in passato non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Le previsioni future non costituiscono una garanzia delle prestazioni future. Le informazioni fornite da Depaho Ltd sono informazioni di carattere generale che non devono essere interpretate come consigli di investimento.